Una compagnia inglese ha intervistato tremila proprietari di cani chiedendo loro informazioni sui danni provocati dagli amici pelosi in casa. Ne è scaturita una classifica semiseria dei cani più combina guai.

  • Alano: durante la sua vita provoca danni in casa per 826 euro; considerata la stazza, è anche poco!
  • Chihuahua: agli antipodi dell’Alano (per dimensioni) il Chihuahua, con la sua abitudine di rosicchiare porte e divani, provoca danni per 785 euro.
  • Mastino: sornione ma combina guai: i suoi danni raggiungono quota 722 euro.
  • Basset hound: simpatico e tontolone nel corso della sua vita arriva a procurare danni per 696 euro.
  • Levriero: non è certo un cane fatto per stare al chiudo, dal momento che ama correre. E quando gli prende la voglia di correre in casa potrebbe provocare danni per 640 euro.
  • Setter inglese: giocherellone, può diventare una macchina da guerra. Pare che adori distruggere le tende!
  • Bulldog: non ha un buon rapporto con gli spazi chiusi e anche lui fa la bella dose di guai.
  • Bassotto: piccolo ma pestifero. È capace di tenere a bada un branco intero di cani di taglia molto più grossa di lui. Poi è volitivo all’ennesima potenza: guai assicurati in casa se non si fanno subito patti chiari!
  • Boxer: adora distruggere il soggiorno e il bagno, dove può comodamente azzannare i tubi per far passare la noia.
  • Beagle: dall’aspetto docile e simpatico è un testone, il che lo trasforma in un disastro casalingo.

 

Strane considerazioni, secondo un documento che verrà pubblicato prossimamente su “ The American Naturalist” realizzato da Vincent Careau, dottorando di biologia presso l’Università di Sherbrooke, nel Quebec, i cani docili e timidi godono di una vita più lunga rispetto ai cani aggressivi.

Per esempio il English Springer Spaniel è del 34% più docile del Basset Hound, secondo una scala stabilita nel 1995, e sempre secondo le statistiche risulta avere il doppio di probabilità di vivere 10 anni di più. La ricerca ha paragonato soprattutto cani di dimensioni simili per non cadere nell’ovvio, è infatti risaputo che i cani di dimensioni grandi tendono a morire più giovani rispetto ai micro cani.

Voi che ne pensate? Personalmente non avevo mai considerato il nesso longevità/carattere, ma se è vero che i cani ci assomigliano allora dobbiamo considerare che anche l’uomo nervoso tende ad ammalarsi prima rispetto a una chi sceglie una vita più tranquilla.

© 2020 annunci-dogsitter.com all rights reserved